People

Ronnie Gilardoni e la sua passione per le supermoto

Ronnie Gilardoni, 34 anni di Castagnola, dipendente della Città di Lugano come manutentore delle strutture del Dicastero Sport, coltiva da anni la passione per il Supermotard e lo scorso anno si è classificato primo  nella categoria stock al Trofeo Tos in Lombardia. Siamo andati a conoscerlo e a farci raccontare di questa sua passione. 
 
Ronnie, raccontaci cosa contraddistingue il supermotard e come ti sei avvicinato a questa disciplina. 
Il supermotard è una disciplina che deriva dalle moto da motocross, si cambiano i cerchi e le gomme, vengono fatte modifiche alle sospensioni e al motore e poi si scende in pista! 
Nel 2003 avevo fatto un test tramite un garage di moto di Paradiso. Da lì ho cominciato ad appassionarmi, anche perché avevo già una moto da motard che usavo in strada, e così ho iniziato ad allenarmi sia in pista sia a casa con la preparazione atletica. Il percorso di preparazione e allenamento  per affrontare le prime gare è durato circa due anni.  
 
Quando hai iniziato a partecipare alle competizioni? 
Ormai sono otto anni che partecipo alle competizioni, un paio del campionato svizzero, le altre al livello regionale in Lombardia e in Piemonte. Quest’anno sto partecipando al Supermoto Italian Trophy, una competizione suddivisa in sei tappe, ognuna in un luogo diverso, con oltre 130 atleti provenienti principalmente dall’Italia ma anche dai paesi confinanti e alla quale partecipano anche 5 atleti svizzeri.  
 
Come è strutturata una gara come di supermoto? 
La maggior parte delle volte si tratta di percorsi suddivisi su asfalto e terra. Le prime sezioni sono le prove libere che servono per capire il percorso ed eventuali modifiche da fare alla moto (sospensioni, scelta delle gomme, ecc..). Questa fase dura circa quindici minuti. Poi ci sono le prove cronometrate dove tutti i partecipanti corrono in pista e si misura il miglior tempo registrato su un giro. A seconda di questa misurazione viene fissata la griglia di partenza. La terza fase è quella della gara vera e propria che consiste in due manche della durata di 10 minuti ciascuna al termine delle quali vanno completati altri 2 giri del circuito. Vince chi completa più giri. 
 
Hai ottenuto anche dei buoni riconoscimenti in questi ultimi anni, giusto? 
Sì, nel 2012 mi sono classificato 2° nel Campionato Piemonte - Lombardia nella categoria Stock che riunisce le moto di serie dove si possono cambiare solo alcune cose mentre lo scorso anno sono arrivato primo al Trofeo Ottobiano Supermoto a Ottobiano in provincia di Pavia. 
 
Come fai ad allenarti lavorando a tempo pieno tutta la settimana? 
Di solito mi alleno la sera, dopo il lavoro. Vado a preparare la moto o faccio delle riparazioni o delle modifiche, se servono, oppure mi alleno a casa facendo esercizi mirati. Il supermotard è un sport faticoso e ci vuole una preparazione adeguata per resistere durante tutte le fasi della gara che, nel complesso, dura circa un’ora. 
Mi alleno quasi sempre da solo ma nei fine settimana andiamo in pista nei circuiti della vicina penisola con un gruppo di amici ticinesi che condividono la mia stessa passione.  
 
 
 
È costosa come disciplina? Hai qualche sponsor? 
Eh sì è costosa, calcola che, per una stagione, i costi superano i 10.000 franchi solo per le  trasferte e l’acquisto dei pezzi di ricambio per la moto. In più, quest’anno, ho cambiato la moto per comprare una Honda CRF 450 e mi ci è voluto quasi un anno per collaudarla. 
Di sponsor ne ho pochi e quelli che ho,  quasi sempre, mi offrono alcuni pezzi di ricambio per la moto più che soldi. Mi piacerebbe trovare uno o più sponsor disposti a sostenermi oppure entrare a fare parte di un team ma non è facile.  
 
Com’è la situazione a livello svizzero per la supermoto? Ci sono team e gare nella tua disciplina? 
In Ticino il supermotard è uno sport piuttosto conosciuto. Ci sono due federazioni in Svizzera che adesso si sono unite per organizzare un unico campionato ma non riesco a partecipare alle gare perché sono sempre molto distanti (5-6 ore di trasferta), inoltre bisogna essere sul posto già il venerdì, cosa che mi provoca problemi con il lavoro, mentre in Italia si arriva in breve tempo alle piste e si corre la domenica.  
 
Bene Ronnie, ti facciamo tanti auguri per la prossima gara. Quand’è prevista? 
Grazie, la prossima gara sarà il 19 ottobre a San Martino del Lago in provincia di Cremona.  
 
Galleria+